Archive for the cinema Category

Cinema Universale

Posted in cinema, Firenze, storie on 18 novembre, 2008 by Tiziana

San Frediano, a cavallo tra gli anni 70 e 80, un cinema d’essai che faceva di media 300 spettatori a sera. Stamani alla radio parlavano del cinema Universale di Firenze. Non lo avevo mai sentito nominare, ma la storia mi ha affascinato.

La particolarità non erano i film – colti, sperimentali, d’autore – ma i personaggi in sala. In un botta e risposta tra platea e film sullo schermo gli spettatori interagivano molto ‘fiorentinamente’ con il film, la platea era rumorosa e seguire il film non era lo scopo principale. Pare che una volta qualcuno sia entrato in sala con la Vespa, e che il botta e risposta tra pubblico, cassiera e maschere fosse il succo dello spettacolo.
Raccontavano che alla domanda ‘ma che si fa stasera?’ fosse normale rispondere ‘ma, si va all’Universale!’
Il 12 novembre al Verdi di Firenze hanno presentato il documentario su quel cinema. Se fossi stata in Italia sarei certamente andata a vederlo.

Pubblicità

Johnny Mad Dog

Posted in Africa, cinema on 25 ottobre, 2008 by Tiziana

Ieri sera ho visto Johnny Mad Dog al London Film Festival.
Che dire, un pugno nello stomaco, ma che pugno!
Il film e’ girato in Liberia con ragazzini non professionisti che fino a pochi anni prima combattevano nelle milizie irregolari, armate fino ai denti e senza freni, che terrorizzavano il paese. Convinti della loro immunità alle pallottole, riempiti di droga e esaltati da rituali tribali, andavano in giro con Uzi e Kalashnikov uccidendo con una ferocia priva di ogni freno morale.
Uno dei ragazzini ruba un vestito bianco da sposa che diventa la sua uniforme di guerriero, altri indossano caschi da motociclista o acconciature da mohicano o costumi da robot dei cartoni animati, e la violenza assume connotati ancora più grotteschi e inumani.
Il film, nella sua ferocia, è scritto, narrato e fotografato benissimo.

Il regista del film, Jean-Stéphane Sauvaire, ha creato una fondazione per sostenere i ragazzini-soldato.

Naked

Posted in cinema on 6 gennaio, 2008 by Tiziana

Ovverosia: quando i film sono così belli che fanno male.

naked.jpg

Non credo che saprei scrivere di meglio, quindi copio qui quello che ho trovato su www.filmref.com

E consiglio vivamente di procurarvi il film.

“Naked is a harrowing portrait of self-destruction and victimization. It is the story of a drifter named Johnny (David Thewlis) who, fleeing from certain retaliation over a violent tryst, runs away from Manchester to find his ex-girlfriend, Louise (Lynda Steadman). Instead, he meets her roommate, Sophie (Katrin Cartlidge), an attractive, spaced-out, and unemployed woman, and impresses her with his abrasive wit and sardonic humor. By the time Louise comes home, Sophie has developed an immediate attachment to him. But Johnny is more interested in the conquest than a commitment. The more Sophie tries to love him, the more distant, abusive, and violent he becomes. Feeling smothered by Sophie’s constant attention, he storms out of the apartment and wanders the London streets, finding other lost souls.
Mike Leigh’s improvisational approach to filmmaking has elicited powerful performances from Thewlis and Cartlidge, who create characters as equally likable as they are pathetic – Johnny: lost, misguided, disillusioned; and Sophie: gullible, perennial victim, starved for affection (the acting is equally inspired in Leigh’s Secrets and Lies). There is an uncomfortable and exceptionally heartbreaking scene where Sophie, after a forced sexual encounter with an unwanted guest, lies in fetal position, visibly convulsing on the floor. Naked is Mike Leigh’s devastating, caustic vision of life without roots, hope… or heart.

The grainy look of the the characters in the film provides a subtle visual manifestation of the theme. Seeing the characters through this perspective, they appear raw and unmasked. Symbolically, they are exposed – emotionally naked – vulnerable. They have, in different respects, fallen out of society, and are in desperate need of validation. Johnny and Sophie are unemployed. The night security guard has a meaningless job. The woman across the building fears the loss of her youth and beauty. As self-assured and confident as they project themselves to be, their brief encounters are all attempts to feel something – anything – to prove that they are still alive. Naked is an unrelenting, deeply disturbing film about the pain of alienation and lost direction.”

Dimenticavo…
Nessuno che mi consigli un film bello, ma che dopo non faccia venire voglia di tagliarsi le vene?

London Film Festival

Posted in cinema, Londra, uscire on 4 novembre, 2007 by Tiziana

Or “How to watch four films in less than 7 days”

Now that my cinema-week has just passed, here are some rants about what I’ve seen on the screens of the London Film Festival.

Non pensarci” by the Italian director Gianni Zanasi, featuring an outstanding performance by Valerio Mastrandrea, is the story of a not-so-famous rock star who, at the edge of 35, returns to his home town after a final disastrous gig. But rather than finding a comfortable family life, he suddenly finds himself drawn into the personal mess of his brother (who runs the family business on the edge of bankruptcy and falls in love with a prostitute), his sister (lost in her passion for dolphins and completely unaware of anything else) and his parents (a naively good-hearted father and a surprisingly “modern” mother).
Incredibly, he turns out to be the most reliable, although (enjoyably) the funniest, of the whole family.

And now for something completely different! The second one, Aleksander Sokurov’s “Aleksandra“, is a slow, minimalistic film about the stupidity of war, embodied by the surreal journey of a grandmother to Chechnya to visit her grandson – a Russian army captain. Once there, she meets soldiers and civilians, all closely bonded by the toughness of life in a permanent state of fear and deprivation. Not a funny film, for sure… nor probably the best glance into human behaviour in a war context, if compared to other films on the same theme.

La graine et le mulet” was the third movie. Here we are in Marseille, with the north-African community of fishermen and shopkeepers living near the docks. When the main character is sacked, he tries to start his own business restoring an old fishing boat. This is supposed to become a floating cous-cous restaurant, where the man’s composite family (ex wife, multiple sons, plus new partner’s daughter) join forces in an effort to prepare a great opening dinner. But everything is destined to fail, including the film which misses its point, drags on and gradually slips from the director’s control…

Last but not least, since it is probably the best film, is “The edge of Heaven“, the last realease by the Turkish-German director, Fatih Akin. It’s the story of six main characters: a Turkish father and his intellectual son both living in Germany; a German mother and daugther; and a Turkish prostitute in Hamburg and her daugther – a Turkish political activist – all linked together by a powerful plot of which each character is unaware. The story is punctuated by two deaths and runs backward and forward between Turkey and Germany, past and present. Perfectly acted, filmed and written, it’s an incredibly moving yet measured piece of work.

[second version as amended by my favourite English consultant]

capita che…

Posted in cinema, Londra on 2 giugno, 2007 by Tiziana

– vado alla versione locale del mio cinemino pisano preferito e becco un film stranissimo, allucinato ed a tratti divertente in una maniera totalmente folle. E’ The bothersome man, non ho idea se sia uscito -o mai uscirà- in Italia, ma val la pena vederlo… e gli amanti del surreale andranno in giuggiole.

– mi sdraio in un parco dove l’ultima volta che ero qui c’era solo un cantiere ed è bellissimo: verde, sole e vista Tamigi

– inizia la stagione al Globe, un ragazzo molto carino mi omaggia del programma…. voglio andarci! But “standing” means “not seating”…

– sul punto del “ragazzo carino”: oggi al Borough Market c’erano parecchi, ma parecchi nice looking guys: bene, la cosa non mi dispiace per niente 😉

– ma che buon caffè che mi sono presa, ero al Monmouth Coffee, e credo che lo sgabello davanti alle finestre d’angolo diventerà uno dei miei cantucci preferiti. Sono anche un po’ rintronata però: prima di capire che le “cose” a forma di tazza messe sul bancone erano dei filtri, pensavo che avessero le tazze bucate. Uff, ci vuole pazienza, ma alla fine ci arrivo.

E se andassi al cinema?

Posted in cinema on 3 aprile, 2007 by Tiziana

Ne vedrei due!

Infatti ieri sera dopo un po’ di assenza sono finalmente tornata all’Arsenale, il mio cinemino preferito.
Tanto per ripartire in modo soft mi sono vista due film in un colpo solo, entrando al cinema alle otto, per riuscirne (senza cena!) a mezzanotte e mezzo.
Però ne valeva la pena, oh se ne valeva la pena…

Dunque, il primo film era Lettere da Iwo Jima di Clint Eastwood. Davvero bello, intenso, fotografato benissimo. La storia è speculare a quello che si racconta il Flags of our fathers, ossia l’attacco americano all’isola di Iwo Jima raccontato dalla parte dei giapponesi.
Dire film di guerra è riduttivo, i protagonisti sono gli uomini di fronte alla morte, e l’accento è su come ci si rapporta ad essa, cercandola, temendola o facendone un gesto eroico (ma cieco) in nome dell’impero.

Cambio totale di atmosfera ed eccomi nella Madrid di Intramontabile effervescenza (Elsa y Fred) . Qui due arzilli vecchietti (eccentrica, stupendamente bugiarda lei, romantico e riservato lui) si innamorano e si divertono come adolescenti, tra suggestioni felliniane, tamponamenti in macchina e pillole per la pressione buttate nel water.

Due sorprese

Posted in architettura, cinema on 7 gennaio, 2007 by Tiziana

Ieri sera ho visto al Lumière (bell’idea tra parentesi, il Lumière) un film ed un’esposizione di quadri.
Due sorprese.

Una, il film. “After the Wedding”, di una regista danese per me sconosciuta, Susanne Bier, è la storia di Jacob che, dopo vent’anni da volontario in India, torna in Danimarca spinto dalla promessa di un enorme finanziamento per il suo orfanatrofio. Bello l’inizio nella città indiana, ma soprattutto bella l’atmosfera sospesa, fredda e decisamente nordica della parte ambientata in Danimarca. Camera a spalla ma non da mal di mare, regia molto particolare con un gusto per le inquadrature da dietro i vetri, una Danimarca verdissima come, in generale, la fotografia del film.
La storia è quella di legami familiari sconosciuti che si manifestano all’improvviso e obbligano i protagonisti a rivedere le loro vite. Taglio intimista, non freddo ma misurato, intenso. Bella la faccia del protagonista, zigomi alti e larghi, occhi intensi, regge primi piani serrati.
La storia prenderebbe una piega drammatica se la regia non trattenesse bene in mano la narrazione con un tono mai eccessivo.
Dimenticavo, bella colonna sonora… molto anni’70. E film candidato all’oscar per miglior film straniero.
E’ il secondo film danese che mi sorprende quest’anno, il primo essendo stato “En soap”. Altro film di una regista per me sconosciuta, storia di un’amicizia che diventa qualcos’altro tra una ragazza in crisi e un transessuale fragilissimo.
Chissà come sarà l’ultimo di Lars Von Trier in versione commedia? Danesi all’attacco, pare…

Dicevo, due sorprese.
L’altra era la mostra.
Per la serie coincidenze, ho riconosciuto i quadri esposti dalla descrizione che me ne fece oltre un anno fa un mio amico. Mi parlò di un tipo che dipingeva quasi esclusivamente scene piovose viste dall’interno di auto oltre il vetro bagnato e i tergicristalli. Ed eccoli qua, i suoi quadri: curiosa coincidenza con il gusto per le inquadrature da dietro i vetri del film!
Piuttosto malinconici, contorni indefiniti e colori prevalentemente grigio-neri. A tratti delle illuminazioni, in particolare l’ombrello rosso di una donna in bicicletta. Comunque interessanti.
Personalmente non mi spiego la ripetitività ossessiva dello stesso tema, la volontà di ripercorrere lo stesso terreno.
Cosa diversa dall’avere una coerenza stilistica, credo attenga più ad un forma costitutiva della mente. Il bisogno di scavare e tornare sullo stesso tema…che a me non appartiene, sono decisamente meno analitica e più sintetica. Mi piacciono i paralleli, i confronti, le giustapposizioni, i salti fra ambiti diversi. Non dipingerei mai settanta versioni della Cattedrale di Rouen…
Eppure in architettura apprezzo la ripetizione del tema, mi piacciono le file di case vittoriane inglesi, per dire, la qualità che viene fuori dalla regolarità, dall’assenza di velleità estemporanee. Perché se l’architettura deve essere invenzione, allora che sia capolavoro, scultura, singolarità. Il Gugghenheim a Bilbao, per esempio, o il blob del comune di Londra, o ancora la stazione di Oriente a Lisbona… cose così.