Night

Così… un esperimento.

Si, lo so che non si legge niente.
Il testo comunque era questo:


Metto gli stivali, cappotto sulle spalle.

Esco per una passeggiata notturna.

Depositi del gas…
stranamente romantici.
Decadenza e bellezza, credo.

Cammino lungo la riva.
Gennaio, nessuno intorno.
Mi chiedo che effetto faccia essere inghiottiti dal mare.

Suoni e fiori elettrici mi attirano sotto il ponte della ferrovia.
Un crepitante cuore solitario riscalda anime disorientate.

Fissità, la solita fissità dell’ultima dose di psicotox.
Non ti puoi muovere, ma il cervello ancora registra ogni singolo dato, ogni singolo respiro…

E visioni, ognuno perso nel suo incubo.

Tutto comincia a confondersi.
Che strano, era così chiara stanotte….

Pubblicità

4 Risposte a “Night”

  1. Meno male che i Caraibi ti/ci aspettano…

  2. ehm…ecco…non vorrei essere invadente…ma per caso non è che considereste di includermi nella gita ai Caraibi?!?!?!?!

  3. questa specie di fotoromanzo mi è piaciuto 🙂
    bella anche la musica, cos’è?

  4. @Alessandro: grazie!
    La musica è In the death car, di Goran Bregovic e Iggy Pop.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: